Pioli: “Il Milan vuole essere ancora protagonista. Ibra è motivato“

Pioli: “Il Milan vuole essere ancora protagonista. Ibra è motivato“

MILANO - “La prossima stagione è molto stimolante da affrontare”. Sono queste le parole di Stefano Pioli nella conferenza stampa di presentazione della nuova stagione del Milan. “Siamo contenti di quanto abbiamo fatto, ma ora si riparte. Oggi è il primo giorno, sarà bello rivedere i miei calciatori. Stiamo cominciando qualche giorno prima con l’obiettivo di fare le cose con calma e sfruttare bene questo periodo. Vogliamo essere di nuovo protagonisti”.

PIOLI: “VOGLIAMO ALZARE IL LIVELLO DELLA SQUADRA PER ESSERE ANCOR PIÙ COMPETITIVI”

“Vogliamo una squadra competitiva e vogliamo continuare il percorso che stiamo facendo”. Prosegue l’allenatore rossonero. “Vogliamo alzare il livello della squadra per essere ancor più competitivi. Preferirei avere tutta la rosa oggi, ma so bene che il mercato è lungo. Sono sicuro che faremo le cose per bene e verrà fuori un Milan competitivo. Speriamo di riavere la normalità, per il calcio e per i tifosi. Vogliamo confermarci ad alto livello, le sette squadre più forti in Italia saranno sempre agguerrite e in Champions League proveremo ad essere una sorpresa”.

PIOLI: “IL CAPITANO È SEMPRE ROMAGNOLI. KJAER? CONOSCIAMO LE SUE DOTI”

“Il capitano è sempre Romagnoli, ma in questa squadra ci sono più capitani. Ho a disposizione una squadra motivata e con senso di appartenenza”. Cosi’ Stefano Pioli, allenatore del Milan , intervenuto in conferenza stampa per presentare la nuova stagione. “Migliorare secondo posto? L’obiettivo è confermarci ad alto livello, dobbiamo essere ambiziosi perchè abbiamo dimostrato di avere qualità. Dobbiamo provare a dare tutto e a battere tutti gli avversari”. Poi Pioli si sofferma sul post dell’ex Calhanoglu, ora all’Inter: “Servono giocatori di qualita’, lo ripeto, non mi importa la posizione esatta, ma che vogliano il Milan e crescere con noi”. L’allenatore del Milan parla anche di Ibrahimovic, Calabria e Bennacer: “Zlatan oggi l’ho trovato bene, ci vorranno un paio di settimane prima di vederlo lavorare in campo sulla corsa, l’ho visto molto motivato. Speriamo di averlo a disposizione per inizio campionato. Calabria si è ripreso, non dovrà lavorare a parte per molto tempo, mentre Bennacer può subito lavorare con noi”. Pioli si è soffermato infine su Kjaer, reduce da una importante esperienza all’Europeo con la Danimarca: “Sappiamo bene le sue doti sia da professionista che come uomo”

GLI ADDI DI DONNARUMMA E CALHANOGLU

“Gli addi di Donnarumma e Calhanoglu? Ci hanno dato tanto fino all’ultima giornata. Rimpianti? No, rimango molto legato ai miei giocatori e li ringrazio per quello che hanno dato, hanno fatto le loro scelte, noi abbiamo la nostra strada da percorrere. Abbiamo iniziato un percorso e dobbiamo cercare di confermarci. Guardiamo avanti, è sbagliato guardarsi indietro, ora pensiamo alle prossime cose”.  Poi una battuta su Kessié: “Può ancora crescere tanto, sappiamo quanto è importante per questa squadra. L’ho sentito spesso, è sereno e motivato, tornerà forte come prima”.

“IL PROCESSO DI CRESCITA NON È TERMINATO. DOBBIAMO LAVORARE TANTO”

“Il gruppo sa di non aver terminato il processo di crescita e che dovremo lavorare tanto”. Cosi’ Stefano Pioli, allenatore del Milan, intervenuto in conferenza stampa per presentare la nuova stagione. “Il riscatto di Tomori è stato importante, si è calato bene nella nostra mentalità. La società ha fatto un grande investimento su un giocatore molto importante. Tonali? Sono felice sia rimasto, ci darà soddisfazioni”. “I rientri di Allegri, Sarri, Spalletti, Mourinho sono stimolanti, dispiace non ci sia Conte. Sarà un bel campionato anche per noi allenatori”, ha concluso Pioli. [Mercato Milan, subito Tonali poi Bakayoko] Guarda il video Mercato Milan, subito Tonali poi Bakayoko

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/serie-a/milan/2021/07/08-83415226/pioli_il_milan_vuole_essere_ancora_protagonista_ibra_e_motivato_/

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: