Nesta nella Hall of Fame Figc: “Un orgoglio, sogno futuro da ct”

Nesta nella Hall of Fame Figc: “Un orgoglio, sogno futuro da ct”

ROMA - Alessandro Nesta inserito nella ‘Hall of Fame’ della Figc nella categoria ‘Giocatore italiano’. Prima di lui si registrano gli ingressi di Del Piero, Totti e Pirlo. Tocca ora a un difensore e altro Campione del Mondo: “È bellissimo ricevere un riconoscimento così prestigioso - esordisce al telefono dalla Florida - ed entrare a far parte della ‘Hall of Fame del Calcio Italiano’ insieme a tanti campioni mi rende davvero orgoglioso”. NESTA E LA NAZIONALE, UNA BELLA STORIA D’AMORE: “Ricordo le bandiere a Cinecittà, la Tv accesa in cortile, il tifo scatenato. Emozioni che mi sono portato dietro fino al Mondiale, quando hai l’onore e la responsabilità di rappresentare un Paese intero. Vivendo all’estero mi sento ancora più italiano, sono ancora più tifoso della Nazionale”.

NESTA, GIOCATORE UNICO

Oltre 400 presenze in Serie A tra Lazio e Milan, 78 gettoni in Nazionale con la partecipazione a tre Mondiali e a due Europei, Nesta vanta una bacheca ricchissima di trofei: una Coppa del Mondo per Club, 2 Champions League, 3 Supercoppe Uefa, una Coppa delle Coppe, 3 Scudetti, 4 Supercoppe Italiane e 3 Coppe Italia. Ma il successo più importante resta la Coppa del Mondo alzata al cielo di Berlino nel 2006 dopo aver battuto ai rigori quella Francia che sei anni prima gli aveva tolto un Europeo che sembrava già vinto: “Se potessi rigiocare una partita - rivela - sarebbe quella. Avevamo disputato una grande finale, mancavano pochi secondi alla fine e sembrava fatta. Quella gara un po’ di sonno me l’ha tolto, come del resto anche la finale di Champions League con il Liverpool (Milan avanti 3-0, rimontato e battuto ai rigori, ndr)”.Per fortuna il riscatto sarebbe arrivato qualche anno più tardi: “Vincere il Mondiale è stata una gioia infinita. Venivamo da Calciopoli, eravamo considerati le pecore nere, ci guardavano come quelli scorretti. Abbiamo avuto la forza di far cambiare opinione a tutti. Probabilmente c’erano squadre più forti di noi, ma quello che è successo prima di andare in Germania ci ha dato una spinta in più”. L’EUROPEO CHE GLI È SFUGGITO NEL 2000 LO HA VINTO DA TIFOSO 21 ANNI DOPO: “Naturalmente ho seguito tutte le partite dell’Italia facendo un gran tifo - racconta - e a Londra per la finale ho voluto portare i miei figli. Roberto (Mancini, ndr) ha avuto il coraggio di mettere insieme tanti giocatori di qualità, tecnici, anche se piccoli fisicamente. E ha avuto ragione”.

L’ITALIA DI MANCINI

 ”Per gli spareggi sono da una parte ottimista e dall’altra preoccupato. Non possiamo permetterci di non andare un’altra volta al Mondiale”. Cresciuto nelle giovanili della Lazio avendo come modello José Chamot (“io ero un giovane timido e c’era questo argentino che era un vero animale in campo”), Nesta preferisce evitare di designare un erede: “Se dico che un giovane è bravo e che mi assomiglia poi lo brucio, lasciamo stare”. Non fatica, però, a indicare l’avversario più difficile da marcare (“Ronaldo il brasiliano. Una furia!”), MENTRE È PIÙ ARDUO INDICARE IL COMPAGNO DI SQUADRA PIÙ FORTE: “Dico Maldini così metto d’accordo tutti, ma non è facile scegliere perché ho avuto la fortuna di giocare con tanti campioni”.Dal passato al futuro, dai sogni realizzati da calciatore a quelli ancora tutti da vivere da allenatore: “Devo ancora fare un po’ di gavetta ed è più probabile che torni ad allenare all’estero che in Italia, ma tutto può accadere”. E se dicessimo che tra vent’anni Nesta sarà il Ct della Nazionale: “Dimmi solo dove devo firmare”.

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/2022/02/17-89975054/nesta_nella_hall_of_fame_figc_un_orgoglio_sogno_futuro_da_ct_/

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: